Archivi

Ricordando…

Piano piano mi allontanai,
senza nessun sentimento,
forse paura di soffrire…
troppi gli addii vissuti.
Con strani silenzi,
inaspettati scatti d’ira,
tornai da dove ero partita.
Inerme restai a guardare
il vuoto, le assenze i ricordi,
del tempo gioioso che fu!

due-bambine-300x300

Annunci

Io non oso dimenticarti

33 fiori recisi
i più belli, i più costosi…
Uno per anno…
A volte vorresti mancare
a questo mesto appuntamento.
Ci provi, ma una forza ti
attrae, ti chiama, ti cerca…
Immancabilmente sono là:
“Io non so dimenticarti”!
Dietro ogni mio gesto ci sei,
sto invecchiando con te…
con la tua assenza!

carezza

L’attesa

Con leggiadra maestria,
i fili che mi legano
a questa vita terrena,
continuano a muoversi…
quasi mai per mio volere
il vento, i ricordi, le persone
conoscono il giusto meccanismo…
io resto piegata, silente
in attesa che cedano!

cropped-399457_497472473601316_1708069569_n1.jpg

la sedia bianca…

Passerò le mie giornate a guardare l’orizzonte
Lassù leggerò i miei pensieri, scritti sul Monte col buco,
stando su quella seggiola…
Non usai mai ne penna ne pennello,
solo il fumo della mia amica sigaretta
Solo con esso trascrissi i miei pensieri…
i più belli hanno i ghirigori,
quelli tristi a stento si leggono
fa nulla ormai li ricordo a memoria!!!

12068532_716033668530411_7796008490353933170_o

Agosto 2015… dillo alla luna

Amo la luna, il suo mistero,
i suoi crateri profondi…
come il dolore dei cuori degli uomini della Terra
la sua bibblioteca di pensieri
raccontati tra gioia e malinconia…
nel suo splendore, amo leggere la malinconia
che aleggia nella sua orbita
per essere felice di essere,
con il mio niente,
che con te e in te
mi diventa tanto!

IMG_3424
IMG_3435
IMG_3436

U sindac cavajuol

Se vuò essere sindac ra Cava
aje tenè sti qualità:
-Nun dorm mai,
accuming aggirà pa Cava
prima che spunt ù sole,
va cuntrullann se tutta a munnezz
è stat arrecot e se truov u furb
che l’ a jettate for orario pigliall
pe na recchia e fall pulizzà.
Giri pè vie, i vichele sperdute e fa apparà i fuoss,
tutti i journ però, no sott all’elezione.
Spili i tombini forse sul’ accussì
nù papiriamm rint all’acqua,
addò stann chiù chell belle vocche i lup?
Fa turnà i vigili che cammin’n a pere,
forse a gent si sentirà chiù sicur!
Fatt nu gir pè frazion, guard pure là
pecchè t’ann vutate pure lor!
Cammina e sient ù popolo che vò,
Nun mi ricere che già si stanche,
che u partit nù vo cheste cose
tant arricurd’t che si pure
nu fai paga munnezz e acqua,
se staje presente tutt’ a jurnat,
se regal i sord del mandato
pu cavajuol ropp nù poc’
ustess nun si buon’!

elezioni