Archivio | maggio 2015

Mia!!!

Una telefonata ti cambia la vita, potrebbe sembrare uno slogan di una compagnia telefonica, ma è la realtà. In un nano secondo ripercorri una vita intera, l’ansia ti avvinghia quasi a soffocarti, mentre i cattivi pensieri ti annebbiano la mente… Vorresti trovare soluzioni ,ma nessuna sembra quella giusta e così ti ritrovi a pregare seduta in mezzo ad una scala, davanti a una porta chiusa, in attesa di una risposta ,di una notizia di un volto rassicurante… I secondi diventano eterni…chiedi l’ora più volte, il tempo sembra fermarsi! Ti ricordi ogni tipo di preghiera, anche quelle di quanto eri bambina che recitavi con la tua mamma e la tua nonna tutte le sere… Anche se non più possibile senti la Loro presenza e ti pare di ascoltare le loro voci…lo squillo di un telefono quello di tuo marito e ne silenzio totale dove forse abbiamo evitato di respirare la voce di nostro figlio che ci annunciava:” E’ nata Mia la tengo in braccio” per rassicurarci della sua presenta Mia ha pensato bene di regalarci il suo pianto sonoro ed io che ripetevo non farla piangerla!!! La mamma e la figlia stanno bene e così dall’ansia passi alla gioia suprema non sai che dire e farfugli stupidate, l’adrenalina ti invade ,ti riempie e quando ti ritrovi davanti alla madre e alla tua nipotina la ringrazie per quel regalo meraviglioso che ti ha donato, le guardi vorresti accarezzarla ,sbaciucchiarla, coccolarla e il solo gesto forse inopportuno baciarla sul polso della tutina, come per preservarla e proteggerla. Mia è una bimba bellissima, per una nonna purtroppo è cosi, pesa 3,860 kg, è lunga 56 cm, il suo primo vagito il mondo l’ha ascoltato il giorno 29 Maggio 2015 alle 00,08, auguri piccola Principessa sei riuscita a donarmi una gioia che difficilmente riuscirò a trasmettere e tradurre in parole… Auguro questa gioia a tutti quelli che leggeranno questo post, la gioia di un figlio ti rende donna, la gioia di una nipote ti rende… bè lascio a voi scoprirlo !!!

11041184_10205387105531739_4489400420996915708_o

Annunci

U sindac cavajuol

Se vuò essere sindac ra Cava
aje tenè sti qualità:
-Nun dorm mai,
accuming aggirà pa Cava
prima che spunt ù sole,
va cuntrullann se tutta a munnezz
è stat arrecot e se truov u furb
che l’ a jettate for orario pigliall
pe na recchia e fall pulizzà.
Giri pè vie, i vichele sperdute e fa apparà i fuoss,
tutti i journ però, no sott all’elezione.
Spili i tombini forse sul’ accussì
nù papiriamm rint all’acqua,
addò stann chiù chell belle vocche i lup?
Fa turnà i vigili che cammin’n a pere,
forse a gent si sentirà chiù sicur!
Fatt nu gir pè frazion, guard pure là
pecchè t’ann vutate pure lor!
Cammina e sient ù popolo che vò,
Nun mi ricere che già si stanche,
che u partit nù vo cheste cose
tant arricurd’t che si pure
nu fai paga munnezz e acqua,
se staje presente tutt’ a jurnat,
se regal i sord del mandato
pu cavajuol ropp nù poc’
ustess nun si buon’!

elezioni